Ninna nanna 2.0: arrivano i gadget hi-tech per combattere l’insonnia

La tecnologia arriva anche in soccorso dell’insonnia. Per il proprio benessere psico-fisico la scienza assicura che non esiste di meglio che potersi garantire un buon sonno ristoratore.

Dormire 7-8 ore tutte le notti fa bene alla salute e permette di vivere una vita dinamica e piena.

Oggi, a supporto di chi la notte si è stancato di contare le famigerate pecore, o bere litri di camomilla quale condizione essenziale per poter riposare, il mercato mette a disposizione tutta una serie di nuovi gadget hi-tech, che assicurano una ninna nanna 2.0 decisamente efficace.

App dedicate, oggetti che propagano onde sonore per indurre il sonno, cuscini tecnologici che mantengono il collo fresco, lampadine innovative che irradiano luce capace di interagire con la melatonina e chi più ne ha più ne metta.

Sono sicuramente le app, a portata di smartphone, i supporti più gettonati per garantirsi una nottata serena di sonno profondo.

Realizzata dalla britannica Big Health troviamo ad esempio Sleepio, la app che programma un piano personalizzato, della durata di sei settimane, in grado di migliorare la pratica del sonno.

Funziona grazie al supporto di una app anche Sense, una pallina costruita in policarbonato e volutamente somigliante in tutto e per tutto allo stadio nazionale di Pechino. La piccola sfera effettua un controllo delle condizioni della camera da letto partendo dalla misurazione di elementi quali la qualità dell’aria, per poi dispensare consigli per adeguare l’ambiente ai parametri più corretti per un buon sonno.

Tenere il collo perfettamente fresco può agevolare il sonno. Ne sono consapevoli gli ideatori di GhostPillow, un supporto che garantisce la giusta temperatura per il collo, utile per riposare in pace e tranquillità. La testa poggia su un cuscino realizzato in schiuma di poliuretano, che risulta estremamente comodo e permette di passare notti tranquille.

Nasce fra Parigi e San Francisco la tecnologia che consente il funzionamento di Dreem, una sorta di fascia in grado di utilizzare le onde sonore e tradurle in un input benefico che induce il sonno in chi la indossa.

Nella camera da letto può essere utile sistemare una tipologia di lampadina a Led di ultima generazione, realizzata in modo tale da cancellare le lunghezze d’onda delle luci dannose, le stesse che si frappongono alla produzione naturale di melatonina, sostanza che facilita il sonno.

Sono invece i suoni emessi da Thim, una specie di anello, che innescano il giusto meccanismo per arrecare benefici al sonno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *