La Casa di Marzapane: una tradizione che arriva dall’oltre oceano.

Natale è ormai alle porte, mancano pochi giorni a Dicembre, le città sono già organizzate per la festa, le strade illuminate dalle decorazioni natalizie, le vetrine dei negozi allestite con alberi, palline e neve di cotone e già i primi sconti e le prime promozione per l’acquisto dei regali da scartare il 25 Dicembre. Questa tradizione unisce moltissime persone di diversa cultura e posizione, tanto che qua in Italia stanno nascendo nuovi usi e costumi legati proprio al modo di festeggiare americano, dalle case adornate di luci, dai grandi eventi in stile New York City, alla realizzazione di dolcetti megalomani da presentare al posto del centro tavola durante la cena di Natale, ovvero la Casa in Marzapane. Quest’ultimo è un tipico dolce americano originario della cultura anglosassone, infatti anche nei paesi del nord europa è facile trovare questa specialità. Il suo nome originale è GingerBread, tradotto in “ Pan di Zenzero”, proprio perchè lo zenzero risulta l’ingrediente principale di questi biscotti, insieme ad un mix di spezie tra cui la noce moscata, i chiodi di garofano e la cannella. Il Pan di Zenzero risale addirittura al 500 d.c. in cui si hanno le prime testimonianze di monaci che vendevano nei mercati biscotti speziati a forma di omini, stelle e alberelli proprio nel periodo natalizio, questa usanza fu poi tramandata negli anni tanto che oggi è diventato comune sfornare gli omini di pan di zenzero da appendere ai rami del nostro albero, mentre per i più audaci è ormai tradizione preparare un casa di marzapane per stupire i propri ospiti o per regalare un sorriso ai propri nipoti e trascorrere una giornata con loro.

Realizzare una casa di marzapane non è difficile, oggi giorno si possono trovare ricette ovunque per realizzare l’impasto e il materiale per decorare, ma il bello è che non esiste una ricetta unica per la finale realizzazione della casa, essa è oggetto della nostra fantasia, sia il gusto per quanto riguarda l’impasto, sia l’aspetto per quanto riguarda il risultato visivo finale. Una volta disegnata la casa e una volta realizzate le forme arriva la parte migliore di questo dolce: L’assemblaggio e la decorazione! Ognuno ha il suo modo di costruire la casa diventando per un giorno architetto del dolce, con la possibilità di creare il luogo e lo spazio per la sua fiaba di natale facendo convivere i personaggi che si vuole realizzare con i medesimi ingredienti.

Questo è più di un semplice e complicato dolce, esso può diventare davvero un simbolo di unione, nel relaizzarlo ci si impiega tempo e pazienza, ma se fatto insieme questi vengono superati dal divertimento,dalla felicità e dalla gioia, ovvero dagli ingredienti base per un buon Natale !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *